I media spesso descrivono le donne con i disturbi alimentari anoressia e bulimia come non trattabili e, purtroppo, in circa un terzo dei casi ciò può essere vero, una nuova ricerca suggerisce.

Ma lo stesso piccolo studio ha scoperto che quasi i due terzi di queste donne si sono ripresi da questi disturbi alimentari, anche se in alcuni casi ci sono voluti più di un decennio per migliorare.

"I risultati mi ispirano a rimanere fiducioso nel mio lavoro di clinico con questi pazienti", ha dichiarato l'autore principale dello studio Kamryn Eddy. È condirettore del Programma clinico e di ricerca sui disturbi alimentari del Massachusetts General Hospital di Boston.


Si stima che 20 milioni di femmine e 10 milioni di maschi negli Stati Uniti avranno un disturbo alimentare. Si stima che i tassi di mortalità per anoressia nervosa e bulimia nervosa si aggirino intorno al 4-5 percento, afferma l'associazione nazionale dei disturbi alimentari. L'anoressia è caratterizzata da auto-fame che porta a una grave perdita di peso, mentre la bulimia comporta frequenti cicli di abbuffate e spurgo.

Ricerche precedenti hanno suggerito che solo la metà delle persone con disturbi alimentari si riprendono, hanno detto gli autori del nuovo studio.

Per comprendere meglio le prospettive a lungo termine di questi pazienti, i ricercatori hanno reclutato 246 donne con un disturbo alimentare. Tutti sono stati trattati in cliniche ambulatoriali nell'area di Boston dal 1987 al 1991.


C'erano 110 donne che avevano la bulimia, il resto aveva l'anoressia. In media, avevano vent'anni quando iniziò lo studio. Il 95% dei partecipanti era bianco.

I ricercatori hanno finito per concentrarsi su 176 pazienti che hanno accettato di prendere parte a un follow-up dai 20 ai 25 anni. Degli altri, 18 sono morti, 15 non sono stati individuati e 37 hanno rifiutato di partecipare.

I ricercatori hanno scoperto che tra coloro che hanno preso parte al follow-up da 20 a 25 anni, il 68% di quelli con bulimia e il 63% di quelli con anoressia si sono ripresi. I ricercatori hanno definito il recupero come andare senza sintomi per almeno un anno.


"Il nostro studio ha dimostrato che, dato il tempo, la maggior parte delle persone con anoressia e bulimia si riprenderanno", ha detto Eddy.

"Il tempo di recupero dalla bulimia è più veloce del recupero in anoressia", ha detto, in genere impiegando meno di 10 anni.

Lo studio ha scoperto che oltre i due terzi dei pazienti affetti da bulimia si erano ripresi da nove anni. Se i pazienti non guariscono dalla bulimia da un decennio, non è probabile che lo faranno, ha aggiunto Eddy.

Per quanto riguarda l'anoressia, ha affermato Eddy, "il recupero continua a verificarsi nel tempo, anche ben oltre i 10 anni di malattia". Solo il 31 percento dei partecipanti allo studio con anoressia si era ripreso da nove anni, ma dal follow-up da 20 a 25 anni, il 63 percento lo aveva riscontrato.

Non è chiaro quali trattamenti siano stati più utili per queste donne.

"I partecipanti hanno ricevuto tutti i tipi di trattamento, compresa la terapia ambulatoriale individuale, familiare e di gruppo, il trattamento ospedaliero e residenziale, la consulenza nutrizionale, i farmaci e le cure mediche", ha detto Eddy.

"Molti hanno continuato a ricevere trattamenti on e off durante tutto il periodo di studio", ha aggiunto.

Inoltre, ha detto Eddy, potrebbe non essere possibile generalizzare i risultati dello studio alle persone in cerca di cure nel 2016.

Cynthia Bulik è professore e direttore fondatore del Centro di eccellenza per i disturbi alimentari dell'Università della Carolina del Nord. Ha elogiato il nuovo studio, ma ha affermato che "è scoraggiante che il 7,3% dei partecipanti sia deceduto durante il periodo di follow-up, il che è coerente con ciò che sappiamo della mortalità di queste malattie".

Ha aggiunto: "Non stiamo facendo un buon lavoro nel trattamento di queste malattie. Non esistono farmaci efficaci nel trattamento dell'anoressia, in parte perché non comprendiamo ancora appieno la biologia e la genetica della malattia".

L'antidepressivo Prozac (fluoxetina) è approvato per il trattamento della bulimia, ha detto Bulik, ma il suo valore a lungo termine non è noto.

La buona notizia, ha detto, è che mentre il recupero dall'anoressia è lento, è ancora possibile anche in qualcuno che ha sofferto per più di 10 anni.

"Solo perché un approccio terapeutico non ha funzionato nei primi cinque anni di malattia, ad esempio, non significa che non sarà efficace nell'anno 15", ha osservato Bulik.

Per quanto riguarda la bulimia, ha detto che il recupero è più rapido, ma i pazienti possono ricadere anche decenni dopo. "Le persone con storie di entrambi i disturbi dovrebbero sempre essere vigili per il riemergere dei sintomi", ha aggiunto.

Lo studio è stato pubblicato di recente nel Journal of Clinical Psychiatry.


Denuncia cliniche anoressia. Terra! Can. 5 - Fame di speranza 14/10/2007 - Assotutor.it (Aprile 2021).