Un nuovo studio collega l'attività di alcuni geni a un disturbo dell'umore premestruale che colpisce dal 2 al 5 percento delle donne in età riproduttiva.

Il disturbo, noto come disturbo disforico premestruale (PMDD), provoca sintomi più gravi della sindrome premestruale, meglio nota come sindrome premestruale. I sintomi di PMDD includono irritabilità, tristezza e ansia disabilitanti prima di un periodo mestruale.

Il collegamento "aggiunge all'evidenza che il PMDD è un disturbo della risposta cellulare agli estrogeni e al progesterone", ha affermato il ricercatore dello studio Dr. Peter Schmidt. Fa parte del National Institute of Mental Health, parte del National Institutes of Health degli Stati Uniti.


"Per la prima volta, ora abbiamo prove cellulari di segnalazione anomala in cellule derivate da donne con PMDD e una causa biologica plausibile per la loro anormale sensibilità comportamentale agli estrogeni e al progesterone", ha detto in un comunicato stampa NIH.

Gli scienziati avevano già saputo che le donne con il disturbo sono particolarmente sensibili ai cambiamenti negli ormoni sessuali, anche se i loro livelli ormonali sono normali.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato il modo in cui l'espressione genica era controllata nei globuli bianchi. Hanno trovato un complesso di geni che agisce in modo diverso nelle donne con il disturbo rispetto alle donne senza di essa.


Il dott. David Goldman, dell'Istituto nazionale degli Stati Uniti sull'abuso di alcol e l'alcolismo, ha lavorato con Schmidt allo studio.

"Questo è un grande momento per la salute delle donne, perché stabilisce che le donne con PMDD hanno una differenza intrinseca nel loro apparato molecolare per la risposta agli ormoni sessuali, non solo comportamenti emotivi che dovrebbero essere in grado di controllare volontariamente", ha detto Goldman.

Lo studio appare il 3 gennaio sulla rivista Psichiatria Molecolare.


3 clues to understanding your brain | VS Ramachandran (Luglio 2020).