Ecco notizie che potrebbero essere familiari a molte donne americane, come lo sono i giovani papà non assumendo la loro giusta parte di faccende domestiche e di assistenza all'infanzia, specialmente nei fine settimana.

Una nuova ricerca mostra che, nei loro giorni di riposo, gli uomini si trovano spesso a rilassarsi mentre le donne fanno le faccende domestiche o si prendono cura del loro nuovo bambino. Questo secondo la ricercatrice principale Claire Kamp Dush, professore associato di sviluppo umano e scienze della famiglia presso la Ohio State University.

Nello studio di 52 coppie lavoratrici, gli uomini hanno trascorso circa 101 minuti a rilassarsi mentre le loro mogli si assumevano le responsabilità domestiche durante i giorni in cui entrambi avevano avuto il tempo libero.


In confronto, le donne hanno avuto solo circa 49 minuti di relax mentre i mariti eseguivano le faccende.

"C'è stato un tempo in cui entrambi stavano facendo la cura dei bambini e le faccende domestiche allo stesso tempo, ma c'era anche un sacco di tempo in cui stava facendo una sorta di lavoro e lui faceva il tempo libero", ha detto Kamp Dush. "Gli uomini avevano molte più probabilità di avere un tempo del genere rispetto alle donne."

I risultati mostrano che le responsabilità domestiche vengono ancora suddivise in base a linee che lasciano alle donne un peso molto maggiore del carico familiare, ha affermato Curtis Reisinger, psicologa dell'ospedale Zucker Hillside di Glen Oaks, New York.


"Sia i maschi che le femmine stanno continuando nei loro comportamenti" specializzati "nei loro giorni non lavorativi", ha detto Reisinger, che non faceva parte dello studio. "I maschi continuano che i loro" ragazzi saranno comportamenti ricreativi dei ragazzi nei fine settimana come tradizionalmente hanno. Le donne continuano il loro ruolo tradizionale di "casalinga" durante il loro tempo discrezionale. "

Per lo studio, i ricercatori hanno chiesto alle coppie a doppio reddito nell'Ohio centrale che si aspettavano che il loro primo figlio compilasse un diario minuto per minuto che descriveva dettagliatamente come trascorrevano la giornata.

Uomini e donne hanno compilato un diario due volte, una volta durante la giornata lavorativa e ancora una volta durante il giorno libero, durante il terzo trimestre di gravidanza.


Le coppie hanno quindi ripetuto il processo circa tre mesi dopo la nascita del bambino, per vedere se avere un bambino causava cambiamenti nel comportamento.

La quantità di tempo che uomini e donne trascorrevano nelle faccende domestiche e nella cura dei figli era più equa nei giorni lavorativi dopo la nascita del bambino, sebbene le donne continuassero a lavorare leggermente di più, i ricercatori hanno scoperto.

"Stanno facendo alcune cose bene, perché almeno nei giorni in cui lavorano c'è una divisione abbastanza uniforme. Di solito condividono compiti", ha detto Natasha Quadlin, assistente professore di sociologia alla Ohio State University. Non faceva parte del gruppo di ricerca.

Ma nei giorni liberi apparve un enorme divario tra mariti e mogli:

  • Gli uomini hanno alzato i piedi il 46 percento delle volte mentre i loro partner si occupavano dell'assistenza all'infanzia; le donne riposavano solo il 16 percento delle volte mentre i mariti si prendevano cura del bambino.
  • Lo stesso valeva per le faccende domestiche. I padri si rilassavano il 35 percento delle volte mentre le loro mogli pulivano, cucinavano e facevano commissioni, mentre le donne prendevano facilmente solo il 19 percento delle volte mentre i loro uomini svolgevano compiti simili.
  • Le donne hanno avuto circa la stessa quantità di tempo libero durante il fine settimana prima e dopo il parto, da 46 a 49 minuti, i ricercatori hanno scoperto.
  • Ma il tempo libero del fine settimana degli uomini è più che raddoppiato dopo il parto, passando da 47 minuti durante la gravidanza a 101 minuti, i risultati hanno mostrato.

È probabile che gli uomini siano più protettivi del loro tempo libero grazie alle aspettative in base alle quali sono stati sollevati, ha detto Reisinger.

"Nella nostra società, gli uomini sono cresciuti con il diritto di giocare nei fine settimana. Questa non è una norma per le donne", ha detto Reisinger. "Di conseguenza, gli uomini possono resistere alla perdita del tempo libero in modo più veemente rispetto alle donne. Le donne non devono rinunciare a tale tempo libero poiché non l'hanno mai iniziato."

Le donne sono anche sottoposte a maggiori pressioni da parte della società, all'altezza degli ideali casalinghi, ha affermato Kamp Dush.

"Se tua suocera viene a casa tua ed è disordinata, la mamma verrà incolpata, non il papà", ha detto Kamp Dush. "Le donne hanno la sensazione di sentirsi più responsabili di queste cose. Questo si traduce in loro facendo più lavori domestici e più assistenza all'infanzia, anche quando lavorano fuori casa tanto quanto la loro partner."

Questa pressione è così grande che le donne spesso intervengono quando i mariti non eseguono le faccende secondo i suoi standard, minando ulteriormente il suo tempo libero, ha detto Kamp Dush.

I risultati dello studio hanno mostrato che gli uomini si occupano della cura dei bambini o delle faccende domestiche, circa il 40 percento delle volte che sua moglie lavora al suo fianco, ha osservato Kamp Dush.

Ma quando le donne sono impegnate in queste faccende, gli uomini stanno aiutando solo dal 14% al 20% delle volte.

"Lo sta aiutando con il compito o lo sta osservando mentre svolge il compito o è anche coinvolto", ha detto Kamp Dush. "Le donne probabilmente hanno solo bisogno di lasciare che gli uomini facciano quei compiti, anche se non è il modo in cui lo farebbero personalmente. Ciò avrebbe loro un po 'più di tempo libero."

Gli uomini possono invertire questa tendenza assumendosi più responsabilità condivisa durante i giorni liberi, ha detto Kamp Dush.

"Dì a tua moglie, vai a passare un pomeriggio, ho capito," disse Kamp Dush. "Gli uomini devono rendersi conto di essere responsabili di questa famiglia, di questo bambino e di questa casa, e devono entrare e farlo anche loro".

Queste disuguaglianze potrebbero essere affrontate consentendo a nuove mamme e papà di scambiarsi le responsabilità durante i primi mesi di genitorialità, ha detto Kamp Dush.Le madri potrebbero prendersi i primi tre mesi di riposo per prendersi cura del loro neonato, e poi i papà si prenderanno i tre mesi successivi per la cura dei figli mentre la mamma rientrerà nella forza lavoro.

"Questo crea l'aspettativa che il bambino e la casa siano entrambi di nostra responsabilità", ha detto Kamp Dush.

Lo studio è stato pubblicato online di recente sulla rivista Ruoli sessuali.


Quando Mamma O Papà Hanno Qualcosa Che Non Va | Stefania Buoni | TEDxNapoli (Settembre 2020).