La depressione nell'uomo può ridurre le possibilità che una coppia alle prese con l'infertilità alla fine concepirà, suggerisce una nuova ricerca.

La depressione tra le donne non era collegata a tassi di concepimento più bassi, hanno affermato gli autori dello studio.

Ma le donne in trattamento per l'infertilità che hanno anche assunto un tipo di antidepressivo noto come inibitori non selettivi della ricaptazione della serotonina (non SSRI) hanno dimostrato di avere più del triplo del rischio di aborto spontaneo nel primo trimestre, rispetto alle donne che non usano tali farmaci.


Al contrario, la classe di antidepressivi noti come SSRI non era collegata ad alcun rischio di aborto spontaneo.

I risultati provengono da un'analisi di due studi sul trattamento dell'infertilità che hanno anche sottoposto a screening coppie per la depressione.

Insieme, gli studi hanno incluso circa 3.200 uomini e donne. All'epoca nessuno utilizzava procedure di fecondazione in vitro.


Poco più del 2 percento degli uomini e circa il 6 percento delle donne presentavano una depressione maggiore attiva.

"Il nostro studio fornisce ai pazienti con infertilità e ai loro medici nuove informazioni da prendere in considerazione quando si prendono decisioni terapeutiche", ha dichiarato l'autore dello studio Dr. Esther Eisenberg. Ha fatto i suoi commenti in un comunicato stampa del National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), che ha finanziato lo studio.

Eisenberg è un ufficiale medico con il ramo di fertilità e infertilità del NICHD.

Lei e i suoi colleghi hanno dettagliato i loro risultati nell'edizione di maggio della rivista Fertilità e sterilità.

Mentre lo studio ha trovato una connessione tra la depressione e le possibilità di concepimento di una coppia, non ha dimostrato causa ed effetto.


AMORE - Come la Coppia Dovrebbe Funzionare?! (Luglio 2020).